Cannabis contro emicrania, USA: test clinico cannabis terapeutica

I ricercatori di San Diego in America, per la prima volta faranno un test, che prevede l’uso della cannabis terapeutica per curare l’emicrania.

In maniera casuale verrà dato ai partecipanti al test, il trattamento con il THC o il CBD, i due maggiori principi attivi della cannabis, o un placebo. La sperimentazione sarà condotta in doppio cieco, quindi prevede che i ricercatori che daranno la terapia e valuteranno gli effetti non sapranno quale trattamento il paziente ha ricevuto.

il team di ricercatori della University of California di San Diego ha avviato il primo trial clinico al mondo, al fine di studiare i composti come il Thc e il Cbd possono effettivamente combattere l’emicrania, senza alcun rischio per la salute. 

Cannabis ed emicrania

Sono molte le persone che nel mondo soffrono di emicrania, una malattia debilitante caratterizzata da dolore intenso e pulsazioni, localizzato su un lato della testa, che può durare da ore fino ad alcuni giorni e può essere accompagnato da nausea e vomito, oltre che a un’ipersensibilità alla luce e al suono.

Siccome non tutti i pazienti rispondono alle cure tradizionali, con il passare del tempo, i farmaci possono addirittura smettere di funzionare.

Molti pazienti, quindi, hanno deciso di optare per la cannabis terapeutica come alternativa.

Sembra che i recenti studi dimostrino che questa meravigliosa pianta riesca a ridurre il rischio di contrarre l’emicrania,  alcuni studi preliminari, hanno dato risultati promettenti: un sondaggio del 2020 ha evidenziato che oltre l’86% dei pazienti con mal di testa ed emicrania ha avuto un miglioramento dei sintomi dopo aver usato la cannabis medicinale per 30 giorni. Altre recenti indagini, inoltre, suggeriscono che fino al 10% dei pazienti statunitensi si rivolgono alla pianta di cannabis per ottenere sollievo.

In cosa consiste lo studio sui pazienti

Il nuovo studio, quindi, ha coinvolto 20 volontari (anche se i ricercatori sperano di arruolarne altri 90) di età compresa tra i 21 e i 65 anni, suddivisi in quattro gruppi: il primo riceverà un placebo, a un altro sarà somministrato il Thc, al terzo il Cbd e all’ultimo gruppo sarà somministrato un mix di Thc e Cbd.

Al termine dei test i ricercatori determineranno, quale trattamento è migliore per alleviare il mal di testa sia a lungo che a breve termine.

Molti pazienti che soffrono di emicrania non ne hanno mai discusso con il proprio medico e preferiscono fare da soli usando la cannabis.”, commenta il neurologo Nathaniel Schuster. “In questo momento, quando i pazienti ci chiedono se la cannabis funziona per l’emicrania, non abbiamo dati basati sull’evidenza per rispondere a questa domanda”. Non ci resta, quindi, che attendere i primi risultati.

Si stima un numero di circa 20 partecipanti al test. In questi anni sono sempre maggiori i test clinici volti a dimostrare l’efficacia della cannabis terapeutica per curare diverse patologie.

Fonte: Ansa

 

We will be happy to hear your thoughts

      Leave a reply

      CANAPALANDIA®
      Logo
      Compare items
      • Total (0)
      Compare
      0
      Shopping cart